18 Marzo: IV Domenica di Quaresima

0 223

IV DOMENICA DI QUARESIMA

2Cr 36,14-16.19-23;

Sal 136 (137);

Ef 2,4-10;

Gv 3,14-21

La Pasqua ormai vicina (colletta), la Chiesa ci invita alla gioia: “Esultate e gioite, voi che eravate nella tristezza…” (antifona d’ingresso). Sono parole prese dall’ultimo capitolo del libro d’Isaia, in cui il profeta guarda al futuro di Gerusalemme e dell’intero popolo con ottimismo. La prima lettura ci parla del popolo d’Israele deportato in schiavitù a motivo della sua infedeltà. Ma al peccato d’Israele che gli ha meritato la punizione della deportazione in Babilonia, si contrappone l’amore di Dio che, fedele alla sua parola, libera il suo popolo dall’oppressione e lo riconduce a Gerusalemme. La nostra salvezza non è fondata sui nostri meriti, ma sull’infinita ricchezza della misericordia di Dio. E’ ciò che ricorda san Paolo, nella seconda lettura, ai primi cristiani di Efeso: la salvezza “non viene da voi, ma è dono di Dio”. E tutto ciò, dice ancora l’Apostolo, trova pieno compimento in Cristo Gesù: “da morti che eravamo per le colpe, ci ha fatto rivivere con Cristo: per grazia siete salvati”. L’ultima parola di Dio non è la morte ma la vita.

 

Il brano evangelico ci spiega in che modo le promesse di salvezza si compiono in Cristo Gesù. Egli è stato innalzato in croce affinché chiunque crede in lui, abbia la vita eterna. Per far capire che cosa vuol dire credere nel Figlio dell’uomo, l’odierno brano del vangelo di Giovanni rimanda alla storia del popolo d’Israele che nel cammino del deserto si era ribellato contro Mosè e contro lo stesso Dio, per cui molti furono puniti con i morsi di serpenti velenosi e morirono. Avendo però gli israeliti riconosciuto il loro peccato, Dio promette che chiunque, morso dai serpenti, guarderà il serpente di rame collocato sopra un’asta, resterà in vita. La storia di Israele va interpretata come un messaggio profetico nel suo aspetto di severo giudizio sull’infedeltà del popolo e nel suo aspetto di accorato invito al pentimento fondato sulla fedeltà incondizionata di Dio. Il serpente innalzato da Mosè nel deserto è una prefigurazione di Gesù innalzato sulla croce. Il serpente di rame salvava perché presupponeva la fede nella parola di Dio che promette la salvezza. In modo analogo Gesù morto in croce è fonte di salvezza per chiunque vi riconosce la rivelazione dell’amore di Dio che “ha tanto amato il mondo da dare il Figlio unigenito; chiunque crede in lui ha la vita eterna” (canto al vangelo).

 

Ecco quindi il motivo della nostra gioia:   alla nostra infedeltà e al nostro peccato si contrappongono la fedeltà e l’amore misericordioso di Dio. Il Venerdì Santo, la Chiesa canta: “Dal legno della Croce è venuta la gioia in tutto il mondo”. Al peccato che conduce l’uomo alla schiavitù e alla morte si contrappone l’amore di Dio che dona liberazione e salvezza. Notiamo però che quando si parla di “colpa” o di peccato si ha a che fare con il compimento o il fallimento di una esistenza: solo chi ha forte il senso della dignità dell’uomo davanti a Dio, del suo destino eterno, è capace di percepire quanto grande sia la tragedia del peccato. Paradossalmente però il peccato rivela chi è Dio: quanto più profondo è il rifiuto dell’uomo, tanto più grande appare l’abisso dell’amore divino, che la croce mostra in tutta la sua concretezza e veracità.

Potrebbe interessarti anche... Altro dello stesso autore

Fai un commento

La tua email non sarà pubblicata.

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Rimani sempre aggiornato direttamente nella tua email!