Celebrare la Quaresima (IV domenica)

Come celebrare correttamente la quarta domenica di quaresima

0 305

La IV domenica di Quaresima (Laetare) costituisce una “pausa” nel cammino quaresimale. La Pasqua è ormai vicina e la Chiesa è invitata a cantare: “Rallegrati, Gerusalemme […] esultate e gioite, voi che eravate nella tristezza” (Antifona d’Ingresso). I linguaggi della celebrazione esprimono la gioia per la vicinanza della Pasqua: è permesso utilizzare gli strumenti musicali, ornare l’altare con i fiori, le vesti sono di colore rosaceo (cfr. Paschalis sollemnitatis, 25)[1]. Nella liturgia odierna, centrale è il tema della luce; si suggerisce di illuminare maggiormente l’aula chiesa rispetto alle domeniche precedenti. In questa domenica si può celebrare il secondo scrutinio preparatorio al Battesimo degli adulti. È possibile utilizzare le orazioni rituali e il ricordo proprio nella Preghiera eucaristica (MR, pp. 709-711).

Celebrazione eucaristica

Monizione d’inizio
In questa quarta Domenica di Quaresima la liturgia ci invita a gioire per la salvezza ormai prossima. “Rallegrati, Gerusalemme”, canta l’Antifona d’ingresso. Il colore rosaceo, l’altare ornato con i fiori, il suono degli strumenti musicali, indicano che la Pasqua è vicina.
Accogliamo il sacerdote con il canto.

Atto penitenziale
Per l’atto penitenziale si suggerisce l’adozione della terza formula proposta dal Messale Romano, Tempo di Quaresima, n. 2 (MR, p. 299).

Gesù Cristo, il giusto, intercede per noi e ci riconcilia con il Padre.
Apriamo il nostro spirito al pentimento,
per essere meno indegni
di accostarci alla mensa del Signore.

Signore,
che nell’acqua e nello Spirito
ci hai rigenerato a tua immagine,
abbi pietà di noi.

R. Signore, pietà.

Cristo, che mandi il tuo Spirito
a creare in noi un cuore nuovo,
abbi pietà di noi.

R. Signore, pietà.

Signore, che ci fai partecipi
del tuo corpo e del tuo sangue,
abbi pietà di noi.

R. Signore, pietà.

Dio onnipotente abbia misericordia di noi,
perdoni i nostri peccati
e ci conduca alla vita eterna.

Amen.

Colletta
Se lo si ritiene opportuno, per il bene spirituale dell’assemblea, è possibile utilizzare la colletta alternativa ispirata al Vangelo della IV Domenica di Quaresima anno A (Gv 9,1-41).

O Dio, Padre della luce,
tu vedi le profondità del nostro cuore:
non permettere che ci domini il potere delle tenebre,
ma apri i nostri occhi con la grazia del tuo Spirito,
perché vediamo colui che hai mandato
a illuminare il mondo,
e crediamo in lui solo, Gesù Cristo,
tuo Figlio, nostro Signore.
Egli è Dio, e vive e regna con te,
nell’unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli.
(MR, p. 971)

Professione di fede
Come proposto, è bene utilizzare il simbolo detto “degli Apostoli” (MR, p. 306)[2]. “Esso richiama la professione di fede fatta nella celebrazione del Battesimo e si inserisce opportunamente nel Tempo di Quaresima e di Pasqua, nel contesto catecumenale e mistagogico dell’iniziazione cristiana” (Cei, Messale Romano. Precisazioni, 2).

Preghiera universale
Ecco i giorni favorevoli in cui il Signore si fa trovare
da quanti sono disposti ad accoglierlo senza riserve,
i giorni in cui egli moltiplica
i suoi interventi di luce e salvezza.

Preghiamo insieme e diciamo: Signore della misericordia, ascoltaci.

Seguono le intenzioni di preghiera.

Padre buono e fedele,
che tutto governi con sapienza e amore,
accogli l’umile preghiera dei tuoi figli
e concedi loro di percorrere,
sotto la guida del tuo Spirito,
la strada che li riporta a te,
pregustando la gioia della Pasqua.
Per Cristo nostro Signore.

Presentazione dei doni
Se nelle domeniche precedenti i riti della presentazione dei doni si sono svolti in silenzio, in questa domenica è bene accompagnare la processione offertoriale con un canto.
È opportuno presentare i frutti del digiuno quaresimale a favore dei più bisognosi della comunità.

“Il canto all’offertorio (Cfr. n. 37, b) accompagna la processione con la quale si portano i doni; esso si protrae almeno fino a quando i doni sono stati deposti sull’altare. Le norme che regolano questo canto sono le stesse previste per il canto d’ingresso (Cfr. n. 48).
È sempre possibile accompagnare con il canto i riti offertoriali, anche se non si svolge la processione con i doni” (OGMR, 74).

Benedizione finale
Tra gli avvisi sobriamente offerti dopo la preghiera Post communio, si potrebbe rinnovare l’invito a celebrare il sacramento della Riconciliazione.

Per la Benedizione finale, si suggerisce di adottare la Preghiera di benedizione sul popolo n. 7 (MR, p. 450), per la richiesta di far brillare la luce del volto divino.

Il Signore sia con voi.
E con il tuo spirito.

O Signore,
fa’ risplendere la luce del tuo volto sopra la tua famiglia,
perché aderisca di cuore alla tua legge
e possa attuare tutto il bene che le ispiri.
Per Cristo nostro Signore.
Amen.

E la benedizione di Dio onnipotente, Padre e Figlio + e Spirito Santo, discenda su di voi e con voi rimanga sempre.
Amen.

Potrebbe interessarti anche... Altro dello stesso autore

Fai un commento

La tua email non sarà pubblicata.

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Rimani sempre aggiornato direttamente nella tua email!