Celebrare la V domenica di Pasqua

Piccole indicazioni liturgiche per domani

0 117

La breve introduzione alla celebrazione da parte di colui che presiede può ispirarsi all’insegnamento della prima lettera di Pietro, riportato nella seconda lettura (2,4-9), alludendo ai credenti quali pietre vive, radunate attorno a Cristo, pietra viva, rigettata dagli uomini, ma scelta e preziosa davanti a Dio.
Durante la preghiera universale si proponga un’intenzione per i vari ministeri ecclesiali, ordinati, istituiti e di fatto, secondo le variegate esigenze della vita pastorale e del mondo di oggi.
Si valorizzi la processione dei doni nella quale «è bene che i fedeli presentino il pane e il vino» ed eventualmente «altri doni per i poveri» (Ordinamento Generale del Messale Romano, 73). Per quanto i fedeli non portino più dalla propria casa, come avveniva anticamente, il pane e il vino, questo rito «conserva il suo valore e il suo significato spirituale» (ivi): i fedeli offrono il frutto della terra e del loro lavoro, si aprono alle necessità dei più poveri e si dispongono a offrire il sacrificio di Cristo nell’Eucaristia e, in questo modo, imparano a offrire sé stessi (cfr. SC 48), come sacrificio gradito a Dio (cfr. 1 Pt 2,5, seconda lettura).
La preghiera del Signore può essere introdotta ricordando la relazione di intimo amore tra il Padre e il Figlio – «Chi ha visto me, ha visto il Padre» (Gv 14,9) – , relazione nella quale i credenti sono pienamente coinvolti

Fonte: Sussidio CEI Pasqua 2017

Potrebbe interessarti anche... Altro dello stesso autore

Fai un commento

La tua email non sarà pubblicata.

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Rimani sempre aggiornato direttamente nella tua email!