Celebrare la VI Domenica di Pasqua

Qualche consiglio per Domenica

0 240

«Adorate il Signore, Cristo, nei vostri cuori, pronti sempre a rispondere a chiunque vi domandi ragione della speranza che è in voi» (1Pt 3,15). Il primo versetto della seconda lettura può offrire uno stimolo autorevole allo stile dell’omelia che, in quanto «parte della stessa liturgia» (SC 52), deve risultare un’autentica celebrazione del mistero che la Parola ha nuovamente rivelato. Si tratta appunto di adorare il Cristo Signore e di offrire le ragioni della speranza che guida l’agire dei cristiani. Alla luce dell’unico mistero di salvezza che si è manifestato in Cristo è possibile delineare la vitalità della comunità cristiana quando si lascia plasmare dall’azione dello Spirito. L’omelia potrebbe caratterizzarsi come celebrazione dell’azione dello Spirito Paràclito che “rimane” per sempre in mezzo ai credenti ed è all’origine della molteplice presenza di Cristo stesso nella sua Chiesa (cfr. SC 7). Davvero «l’omelia è percorsa da una dinamica molto semplice: alla luce del mistero pasquale riflette sul significato delle letture e delle preghiere di una data celebrazione e conduce l’assemblea alla liturgia eucaristica, nella quale si partecipa allo stesso mistero pasquale» (Direttorio omiletico, 15). Un ritornare sui testi, sotto la guida dello Spirito, per favorire la partecipazione dei credenti al mistero d’amore di Cristo.

L’azione terapeutica di Filippo in Samaria, testimoniata dalla prima lettura, può suggerire la possibilità, durante la celebrazione eucaristica o in altro momento, dell’Unzione degli infermi (cfr. Sacramento dell’Unzione e cura pastorale degli infermi, 97-114). Sarà importante annunciare tale celebrazione a tempo debito e prepararla adeguatamente dal versante catechetico sottolineando la pertinenza di questo sacramento con il Tempo Pasquale: in esso, infatti, «la Chiesa raccomanda i malati al Signore sofferente e glorificato, perché dia loro sollievo e salvezza (cfr. Gc 5,14-16) ed esorta i malati stessi ad associarsi spontaneamente alla passione e morte di Cristo (cfr. Rm 8,17) per contribuire al bene del popolo di Dio» (ivi, 5).

La preghiera dei fedeli non dovrebbe trascurare in questa domenica coloro che, in vario modo, soffrono a causa del male, nel corpo e nello spirito (cfr. At 8,7).

Fonte: Sussidio CEI Pasqua 2017

Potrebbe interessarti anche... Altro dello stesso autore

Fai un commento

La tua email non sarà pubblicata.

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Rimani sempre aggiornato direttamente nella tua email!