Domenica di Pasqua – Risurrezione del Signore (Anno C)

0 140

Letture del Giorno:

At 10,34.37-43;

Sal 117;

Col 3,1-4 Oppure 1Cor 5,6-8;

Gv 20,1-9;

E’ Pasqua! Una riflessione sulla festa centrale della fede cristiana può prendere spunto da una frase, all’apparenza fuori argomento: “Guardare con gli occhi di Dio”.

Questa suggestiva espressione è di papa Francesco, estrapolata da un suo discorso sulla sapienza. “Non si tratta” ha detto il papa “semplicemente della saggezza umana, che è frutto della conoscenza e dell’esperienza: la sapienza-dono dello Spirito è la grazia di poter vedere ogni cosa con gli occhi di Dio. E’ vedere il mondo, vedere le situazioni, le congiunture, i problemi, tutto, con gli occhi di Dio. Alcune volte noi vediamo le cose secondo il nostro piacere o secondo la situazione del nostro cuore, con amore o con odio, con invidia… No, questo non è l’occhio di Dio. La sapienza è quello che fa lo Spirito Santo in noi, affinché noi vediamo tutte le cose con gli occhi di Dio”.

Il motivo per cui ricordiamo oggi la sapienza sta nel fatto che essa è uno dei frutti della Pasqua, e noi lo riceviamo nella misura in cui viviamo la Pasqua.

Cerco di chiarirlo. Da giorni risuona nei nostri incontri l’augurio di “buona Pasqua”, tanto ripetuto da divenire quasi automatico e così perdere di senso. Sarà forse altrettanto automatico, ma almeno è esplicito il saluto che oggi si scambiano sorridenti i cristiani di tradizione orientale: “Cristo è risorto!” dice uno, incontrando un amico o anche uno sconosciuto; “Cristo è risorto!” risponde l’altro. Tuttavia, in occidente o in oriente che sia, ci si può chiedere perché continuare a celebrare un evento di duemila anni fa: e la risposta porta a scoprire che la Pasqua di Gesù, cioè il suo passaggio dalla morte alla vita, è l’apice di una vicenda cominciata tanto tempo prima, e nel contempo la fonte del suo seguito, ancora ben lontano dall’essersi esaurito.

La vicenda affonda le sue radici nell’infinita bontà divina, che offre agli uomini la redenzione, vale a dire la possibilità di superare la malizia di cui sono impastati. Per questo Dio scelse Abramo, i discendenti del quale costituirono l’ambito in cui accogliere il Redentore. Allo scopo gradatamente li istruì, e tante volte intervenne ad aiutarli: in particolare mandando Mosè a liberarli dalla schiavitù cui erano stati sottoposti in Egitto. Proprio là si cominciò a parlare di Pasqua, cioè “passaggio”: è il passaggio notturno di un castigo che sterminò i primogeniti egiziani, risparmiando invece le case degli ebrei segnate dal sangue di un agnello; è il prodigioso passaggio del mare, con cui un insieme di persone divenne un popolo, cui Dio diede una terra e una legge.

Gli ebrei hanno poi sempre considerato questi fatti come l’epopea nazionale, ricordandola ogni anno con la festa detta appunto Pasqua, e confidando nell’aiuto di Dio per altre liberazioni dalla soggezione a popoli stranieri. Quando il Redentore è giunto, si aspettavano di essere liberati dal dominio romano; non avevano capito i tanti preannunci che l’Atteso sarebbe venuto a liberare gli ebrei, ma anche tutti gli altri popoli, e non da soggezioni politiche ma dalla soggezione al male che tutti ci portiamo dentro.

L’Atteso lo ha fatto sobbarcandosi i peccati di tutti, espiandoli con la propria morte liberamente accettata e vincendo la stessa morte con la risurrezione. Questa è la Pasqua che festeggiamo, il passaggio di Gesù dalla morte alla vita; e lo festeggiamo, perché egli offre a quanti hanno fede in lui di partecipare alla sua vittoria: sin da adesso, chiedendogli e ottenendo di passare dalla morte spirituale del male in cui siamo invischiati a una vita libera dai gravami che la soffocano, libera di guardare tutto e tutti con gli occhi di Dio, tanto libera da poter accogliere, quando sarà, il dono di condividere la sua stessa vita, per sempre.

Buona Pasqua a chi legge queste note: intesa così, lo sarà davvero. Cristo è risorto, e ci offre la possibilità di risorgere con lui.

Fonte:Qumran2.net – Commento di Mons. Roberto Brunelli

Potrebbe interessarti anche... Altro dello stesso autore

Fai un commento

La tua email non sarà pubblicata.

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Rimani sempre aggiornato direttamente nella tua email!