Gli impegni del Papa per la Settimana Santa

0 132

Papa Francesco ha aperto la settimana santa celebrando la messa delle Palme con un pastorale di legno preparato per lui dai detenuti del carcere di Sanremo. Come ogni anno i sette giorni che conducono alla Pasqua saranno densi di celebrazioni. Papa Bergoglio ha usato Twitter per invitare i fedeli ad approfittare della settimana santa per ricorrere al sacramento della confessione.

Mercoledì 16 aprile si svolgerà come di consueto l’udienza generale in piazza san Pietro, a partire dalle 10,25.

La mattina del giovedì santo, primo giorno del “triduo pasquale”, alle ore 9 papa Francesco presiederà la messa “crismale” nella basilica di san Pietro. La liturgia sarà concelebrata dai cardinali, i vescovi e i presbiteri presenti a Roma, in tutto circa 1600 consacrati. La messa è detta “del Crisma” perché in quell’occasione vengono benedetti l’olio dei catecumeni, l’olio degli infermi e il crisma, che poi verrano utilizzati nel corso di tutto l’anno.

Lo stesso giorno, 17 aprile, alle 17.30 celebrerà la messa “in coena domini”, in cui si fa memoria dell’ultima cena di Gesù prima della crocifissione e durante la quale il sacerdote lava i piedi di dodici dei presenti. Lo scorso anno papa Francesco aveva scelto per la lavanda dei piedi i detenuti del carcere minorile di Casal del Marmo, a Roma. Stavolta Bergoglio sarà nel centro per disabili Santa Maria della Provvidenza, gestito dalla Fondazione don Carlo Gnocchi, sempre in via di Casal del Marmo.

Il pomeriggio del venerdì santo, alle 17, il papa sarà presente alla commemorazione della Passione di Cristo nella basilica di san Pietro, con la meditazione scritta da padre Raniero Cantalamessa, predicatore della Casa pontificia.

Più tardi, a partire dalle 21.15, il Santo Padre presiederà la Via Crucis, celebrata come ogni anno al Colosseo. Le meditazioni per le quattordici stazioni sono state affidate quest’anno a monsignor Giancarlo Maria Bregantini, arcivescovo di Campobasso-Boiano. «Tutte le stazioni della Via Crucis sono già dentro il tessuto del pontificato di Bergoglio», ha spiegato il presule in un’intervista ad Avvenire. Molti i temi d’attualità toccati: dalle malattie provocate dai rifiuti tossici nella Terra dei fuochi al sovraffollamento delle carceri, dagli abusi sui minori alla violenza sulle donne.

Dopo il silenzio del sabato santo, la veglia pasquale inizierà alle 20.30 del 18 aprile. La messa di Pasqua sarà celebrata la mattina successiva alle 10.15 in piazza san Pietro. Subito dopo, a mezzogiorno, papa Francesco leggerà il suo messaggio pasquale e la impartirà la benedizione Urbi et Orbi, alla città e al mondo, dalla loggia centrale della basilica vaticana.

Potrebbe interessarti anche... Altro dello stesso autore

Fai un commento

La tua email non sarà pubblicata.

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Rimani sempre aggiornato direttamente nella tua email!