In ricordo dell’ Anniversario della Canonizzazione di San Pio da Pietrelcina

0 164

«Con l’autorità di nostro Signore Gesù Cristo, dei santi apostoli Pietro e Paolo e Nostra, dopo aver lungamente riflettuto, invocato più volte l’aiuto divino e ascoltato il parere di molti nostri fratelli nell’episcopato, dichiariamo e definiamo santo il beato Pio da Pietrelcina e lo iscriviamo nell’Albo dei Santi». Era il 16 giugno 2002, quando in piazza San Pietro, di fronte a una folla sterminata di fedeli giunti da ogni angolo della terra, Giovanni Paolo II pronunciava la formula di rito con cui dichiarava santo il frate da Pietrelcina. Le cronache di allora parlano di trecentomila figli spirituali di Padre Pio presenti a Roma e di almeno centomila a San Giovanni Rotondo e di diverse decine di milioni in tutto il mondo in collegamento televisivo.

«La popolarità di Padre Pio – scrive l’arcivescovo Castoro nel suo messaggio ai Gruppi di Preghiera – ci suggerisce un’altra considerazione. I tanti pellegrini che salgono alle pendici di questo monte per venire a venerare Padre Pio esprimono in realtà il loro desiderio di Dio. È lui che ricercano e che anche noi dobbiamo intravedere in quella gioia, in quella pace, in quella luce e in quell’amor che riusciva a trasmettere Padre Pio». E aggiunge: «Sta a noi valorizzare questo anelito, offrendo percorsi di educazione alla vita buona del Vangelo, come si è prefissata la Chiesa italiana nei suoi orientamenti pastorali».

Fonte: Estratto da Avvenire.it

Potrebbe interessarti anche... Altro dello stesso autore

Fai un commento

La tua email non sarà pubblicata.

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Rimani sempre aggiornato direttamente nella tua email!