Ritrovamento di Gesù al tempio

Il quinto mistero della Gioia

0 248

«Chi è che non si trova bene con Gesù? E qual’è quell’anima che pensando a ciò che il divino Maestro asserisce: “La mia delizia è il conversare con i figlioli degli uomini non si sente riempire tutto d’infinita allegrezza? Qual è quell’anima che può essere infelice a cui Gesù si è dato in eredità? O non è forse questo stesso Gesù che forma la delizia degli angioli e l’oggetto unico delle compiacenze del Padre celeste? Lo lodino a una voce tutte le creature, e le loro lodi siano eterne, come eterno è lui medesimo» (Padre Pio, Epistolario III,12-IX-1915 ad Annita Rodote, pag. 98-99)

“Dopo tre giorni lo trovarono nel tempio, seduto in mezzo ai maestri, mentre li ascoltava e li interrogava. E tutti quelli che l’udivano erano pieni di stupore per la sua intelligenza e le sue risposte. Al vederlo restarono stupiti, e sua madre gli disse: «Figlio, perché ci hai fatto questo? Ecco, tuo padre e io, angosciati, ti cercavamo». Ed egli rispose loro: «Perché mi cercavate? Non sapevate che io devo occuparmi delle cose del Padre mio?». Ma essi non compresero ciò che aveva detto loro.”  Lc (2,46-50)

Nel Tempio Gesù “appare nella sua divina sapienza, mentre ascolta e è sostanziamente nella veste di erroga, colui che “insegna”, La rivelazione del suo mistero di Figlio tutto dedito alle cose del Padre è annuncio di quella radicalità evangelica che pone in crisi anche i legami più cari dell’uomo, di fronte alle esigenze assolute del Regno. Gli stessi Giuseppe e Maria, trepidanti e angosciati, non compresero le sue parole”
(Rosarium Virginis Mariae, n. 20)

Gesù non si smarrisce ma compie la volontà del Padre. Egli si pone nell’atteggiamento di chi ascolta per darci la risposta che conta. La vita e la legge sono una lettura umana mal’interpretazione è divina. L’uomo è sacramento che vela la sua vera natura di figlio di Dio e svela la vocazione al divino. Al di là dell’interesse lascia vedere la generosità, nel vivere materiale offre una interpretazione. L’uomo è il Cielo vestito di carne

Al termine di una giornata di cammino, Giuseppe e Maria non incontrano Gesù perciò si addolorano. Tornano sui loro passi per cercarlo e trovarlo. Una vita senza incontrare Dio è disperata. L’uomo sente forte il bisogno di dialogare: quando si parla con il proprio simile, si corre il rischio di dire sempre le stesse cose, spinti dall’unica finalità di possedere e dominare il mondo, perché preoccupati per la propria sopravvivenza. Se invece si dialoga con Dio l’orizzonte s’apre all’infinito, si discute di amore e di speranza, si va oltre l’immediato. La vita è uscire ogni giorno da sé per l’incontro risolutore: Dio. Il Signore sarà visibile se parliamo di Lui e lo serviamo negli altri con la gioia e l’amore.

Dal Tempio Gesù dichiara la sua missione: “Fare la volontà del Padre”. Egli è stato fedele all’impegno assunto e si proposto candeliere per illuminare quanti sono nella casa, come la città costruita sul monte per attirare a sé ogni sguardo, come il sale che dà il sapore alla storia quotidiana dell’uomo. È volontà del Padre non dire: «Signore, Signore» (Mt 7, 21), ma assumersi l’impegno sociale e la disponibilità verso ogni uomo. La terra, rovinata dall’uomo, deve ritornare a Dio attraverso l’impegno dell’uomo.

Dopo il ritrovamento Gesù torna a casa con Maria e Giuseppe ed è tutto teso a preparare la sua missione: «Gesù cresceva in età e sapienza davanti a Dio e agli uomini» (Lc 2, 52) La vita non s’improvvisa, ma si prepara, non è uno scorrimento di giorni, ma un continuo amare, non è un tirare a campare, ma un impegno da assolvere. Non c’è un giorno uguale all’altro: cresce in età e sapienza davanti a Dio e al prossimo; la vita si arricchisce d’esperienza e di conoscenza; il quotidiano invita a essere persone significative e aperti alla speranza.

Fonte: “Il Santo Rosario – Il credo fatto preghiera” scritto da Don Giovanni Ercolino

Potrebbe interessarti anche... Altro dello stesso autore

Fai un commento

La tua email non sarà pubblicata.

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Rimani sempre aggiornato direttamente nella tua email!