Santissimo Corpo e Sangue di Cristo (Anno C)

0 99

Letture del Giorno:

Gen 14,18-20;

Sal 109;

1Cor 11,23-26;

Lc 9,11-17;

Nella Messa di oggi l’attenzione si appunta tutta proprio sulla Messa. Ricorre infatti la “Solennità del Corpo e Sangue di Cristo”, più nota col precedente nome latino di “Corpus Domini”, che richiama l’istituzione dell’Eucaristia (seconda lettura, 1Corinzi 11,23-26). Nel cuore della fede si insinua però anche un dato sociologico: lo ricorda chiaramente il vangelo (Luca 9,11-17), narrando la moltiplicazione dei pani e dei pesci.

C’erano circa cinquemila uomini… Egli prese i cinque pani e i due pesci, alzò gli occhi al cielo, recitò su di essi la benedizione, li spezzò e li diede ai discepoli perché li distribuissero alla folla. Tutti mangiarono a sazietà”. Il miracolo con cui un giorno Gesù ha sfamato la folla accorsa ad ascoltarlo in un luogo dove non c’era modo di procurarsi cibo, a prima vista si direbbe di scarso rilievo, a confronto dell’incomparabile dono lasciato da Gesù con il sacramento del suo Corpo e del suo Sangue. Ma nell’ottica e nell’abituale comportamento di Gesù non è così: a lui interessa l’uomo in ogni sua dimensione, spirituale ma anche fisica, terrena.

Appena prima di compiere il prodigio, dice il vangelo, il Signore si era dedicato “a parlare alle folle del regno di Dio e a guarire quanti avevano bisogno di cure”. Preoccupandosi di risanare i malati e sfamare la folla, egli ha formulato nei fatti un insegnamento perenne. Primo, non è certo volontà di Dio, se gli uomini soffrono di malattia o di fame, se non possono condurre una vita serena, dignitosa e sicura. Secondo, tutti, e particolarmente quanti si dicono cristiani, devono impegnarsi a beneficio di chi si trova in difficoltà. Circa la fame, il pensiero va ai milioni di bambini che per questo muoiono, agli innumerevoli adulti debilitati dal non avere cibo a sufficienza e perciò facile preda di malattie. Da sempre i cristiani sono in prima linea nel soccorso a questi sventurati, senza clamore, senza strombazzarlo sui giornali o alla televisione; pochi sanno quanto fanno in proposito i missionari, quanto qui da noi fanno strutture come la Caritas, quanta generosità di singole persone rimane nell’ombra, nota solo a Dio.

C’è poi un risvolto del problema cui spesso non si pensa: tanta fame e povertà nel mondo è quasi sempre frutto di ingiustizia, perché causata da regimi tirannici, o da un colonialismo spietato che, conclusa la fase politica, non è scomparso ma ha solo cambiato volto. Il problema della fame si potrà risolvere soltanto eliminandone le cause profonde, trasformando le strutture politiche ed economiche basate sullo sfruttamento dei più deboli: e anche in questo ambito i cristiani sono chiamati a fare la loro parte. Pochi conoscono in proposito il paziente lavoro diplomatico dei rappresentanti del papa; tutti possiamo concorrere, ad esempio non comperando quei beni che si sa prodotti facendo lavorare i bambini o adulti tenuti di fatto in schiavitù.

Ma l’impegno a risolvere questi drammatici problemi non esaurisce il compito dei cristiani. Essi sanno che l’uomo, quand’anche fosse in buona salute e avesse da mangiare a sufficienza e potesse guardare senza troppe preoccupazioni al domani proprio e della propria famiglia, non avrebbe soddisfatto tutte le proprie aspirazioni. Gli rimane un altro vuoto da colmare; nel cuore e nella mente gli urgono altri orizzonti, cui magari non sa dare un nome ma che lo inquietano. La risposta, quella vera, egli non la sa trovare da solo: ecco allora Gesù, che moltiplica il pane per la folla, ma come anticipazione di quell’altro pane che è lui, quello su cui in seguito avrebbe pronunciato le parole al centro della festa di oggi: “Prendete e mangiate, questo è il mio corpo”.

Del resto in una precedente occasione lui stesso aveva ricordato che “non di solo pane vivrà l’uomo” (Matteo 4,4). E il grande Agostino ne deduce, per sé e per noi: “Tu ci hai fatto per te, Signore, e il nostro cuore è inquieto finché non riposa in te”.

Fonte:Qumran2.net – Commento di Mons. Roberto Brunelli

Potrebbe interessarti anche... Altro dello stesso autore

Fai un commento

La tua email non sarà pubblicata.

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Rimani sempre aggiornato direttamente nella tua email!