Tempo Pasquale: Liturgia e significato

Da Pasqua alla Pentecoste, in attesa dello Spirito Santo

0 369

I cinquanta giorni che si succedono dopo la domenica di Risurrezione evidenziano la centralità dell’evento pasquale e della sua celebrazione liturgica. Si tratta, infatti, di un tempo che ha lo scopo di estendere la gioia della Pasqua. Non a caso, fin dalle origini della Chiesa, fu definito “santo, felicissimo, gioioso, festivo”, e gli furono riservati dei nomi particolari come “solennità della gioia, grande domenica, simbolo del secolo futuro, gioioso spazio”. È un tempo che esprime una forte portata escatologica, infatti intende essere l’immagine della “domenica eterna”, del tempo di risurrezione che non ha fine.

Gli scrittori ecclesiastici dei primi secoli sottolineano l’unità che caratterizza questa “cinquantina”: Pentecoste non è un solo giorno (il cinquantesimo) ma tutti i cinquanta giorni. A partire dal IV secolo, invece, si incomincerà a dare rilievo all’ultimo. Nelle Chiese occidentali in questo giorno si faceva memoria della discesa dello Spirito Santo; mentre in Siria, Gerusalemme e Mesopotamia si celebrava l’Ascensione. La liturgia non tendeva ancora alla “storicizzazione” poiché non si sentiva la necessità di dare un ordine cronologico agli eventi da celebrare, trasformando in “anniversari” gli avvenimenti salvifici.

Il senso unitario della cinquantina pasquale andò pian piano affievolendosi, in parte perché fu spezzata dalla celebrazione – al quarantesimo giorno – dell’Ascensione, in fedeltà al testo degli Atti degli Apostoli (At 1,3), ma anche a motivo delle modalità celebrative della Pentecoste. Questa domenica, infatti, acquisì una forte autonomia rispetto ai giorni che la precedevano poiché fu destinata esclusivamente al ricordo del dono dello Spirito. Nelle Chiese occidentali veniva celebrato il battesimo, mentre in Oriente viene attribuita a tale circostanza una valenza celebrativa trinitaria. Inoltre, a partire dal VI secolo, anche la Pentecoste è seguita da un’ottava che prolunga ulteriormente il tempo e conferisce una maggiore autonomia all’evento celebrativo. A ciò si aggiunga un’altra situazione: la Pentecoste, fino alla riforma dell’anno liturgico, dava inizio a un tempo specifico – il tempo di Pentecoste – che si estendeva per tutte le settimane (da maggio-giugno fino a novembre) che precedevano l’Avvento.

L’attuale celebrazione del tempo pasquale è all’insegna dell’unitarietà: “I cinquanta giorni che si succedono dalla domenica di Risurrezione alla domenica di Pentecoste si celebrano nell’esultanza e nella gioia come un solo giorno di festa, anzi come “la grande domenica”. Sono i giorni nei quali, in modo del tutto speciale, si canta l’Alleluia” (Norme generali per l’ordinamento dell’anno liturgico e del calendario, n. 22).

In questi cinquanta giorni si realizza la celebrazione unitaria del mistero pasquale come “morte – risurrezione – ascensione – discesa dello Spirito”. Mistero pasquale e pentecostale costituiscono un tutt’uno. Il vangelo di Giovanni ci consegna una significativa testimonianza scritturistica, legando in maniera diretta (anche a livello cronologico) morte, risurrezione e dono dello Spirito (cfr. Gv 19,30; 20,19-23).

Anche i testi liturgici del tempo pasquale sottolineano tale unità teologica. Un esempio ci è dato dalla colletta della messa del giorno della domenica di risurrezione: “O Padre, che in questo giorno, per mezzo del tuo unico Figlio, hai vinto la morte e ci hai aperto il passaggio alla vita eterna, concedi a noi, che celebriamo la Pasqua di risurrezione, di essere rinnovati nel tuo Spirito, per rinascere alla luce del Signore risorto” (Messale Romano, p. 185).

Il valore mistagogico, cioè di introduzione progressiva e consapevole ai misteri teologico-celebrativi, del tempo di Pasqua, si esprime soprattutto nella capacità di leggere i segni del “passaggio dello Spirito”. La Chiesa sperimenta nella quotidianità la “Pasqua dello Spirito”, in modo particolare attraverso la celebrazione dei sacramenti. La cinquantina post-pasquale è quindi tempo privilegiato per riconoscere la presenza dello Spirito del Risorto nella Chiesa e per accoglierne in pienezza i suoi doni.

(da Alleluja.net)

Potrebbe interessarti anche... Altro dello stesso autore

Fai un commento

La tua email non sarà pubblicata.

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Rimani sempre aggiornato direttamente nella tua email!