Umiltà nella gioia

Il Settimanale di Padre Pio

0 912

Considerando le reazioni di padre Pio di fronte agli attestati di stima ed alle lodi che riceveva, potrebbe egli apparire ai nostri occhi un santo uggioso, triste e scontroso. Era solo la scorza, però, quella che di solito egli manifestava di se stesso. In realtà il Padre era un uomo del tutto solare e sereno: egli realizzava la sua perfezione – che necessariamente presentava le sue sofferenze e difficoltà – nella fede e nella speranza che riponeva nel suo Dio. Ed amando Lui solo. Non poteva quindi non essere in ogni momento nella gioia. […].
A volte sul cammino di perfezione, che richiedeva sempre attenzione massima, era lo Spirito ad alleggerire i passi a padre Pio.
Padre Antonio Durante da Monterosso, cappuccino della provincia religiosa di Genova, vero figlio di san Francesco, austero e buono, intransigente e affabile, era missionario in Argentina, dove poi finirà i suoi giorni. In occasione di un rientro in patria, ottenne dai superiori di poter salire a San Giovanni Rotondo e trattenersi un po’.
Un giorno passeggiava sul piazzale del convento con il Santo, che era oggetto di deferente affetto e devozione da parte della gente. Padre Antonio, pensava dentro di sé: «Come fa quest’uomo a resistere alla tentazione di vanagloria e di compiacenza?». Padre Pio – che sappiamo leggeva nei cuori – si girò verso di lui tutto sorridente e disse: «Vedi quanta gloria di Dio!».
Osserva padre Pellegrino Funicelli: «Padre Pio non mancava di fare dell’umorismo sul contrasto delle proprie convinzioni con quelle dei fedeli: “Ma guarda un po’ – mi diceva una volta – ‘sti fanatici, si ostinano a credere infallibile ed impeccabile uno che non capisce niente. Voglio vedere se sei capace a trovare una situazione più buffa di questa”».
Ed a volte, nel sentirsi lodato o ringraziato, ci giocava sopra, per non esporre i suoi sentimenti più intimi. Così una volta con Cleonice Morcaldi, che vedendolo stanchissimo, disse: «Padre per forza soffrite. Vi siete messo addosso tutto il mondo!». E padre Pio: «E già, ci voleva uno scemo!». In tal modo, celiando, si toglieva l’aureola dell’eroe o della vittima.

Padre Marcellino IasenzaNiro,
Padre Pio. Profilo di un santo,
pp. 305-306

(fonte: settimanaleppio.it)

Servizio Liturgico “Francesco Buenza”

Potrebbe interessarti anche... Altro dello stesso autore

Fai un commento

La tua email non sarà pubblicata.

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Rimani sempre aggiornato direttamente nella tua email!