VI Domenica di Pasqua (Anno C)

0 125

Letture del giorno:

At 15,1-2.22-29;

Sal 66;

Ap 21,10-14.22-23;

Gv 14,23-29;

Il tempo pasquale sta per concludersi: la prossima domenica si celebrerà l’ascensione di Gesù, e la successiva sarà la solennità di Pentecoste. Alle due feste introduce il vangelo di oggi (Giovanni 14,23-29). La prima è evocata dall’accenno del suo ritorno al Padre, con l’assicurazione che ciò non significa abbandonare i suoi amici: “Se uno mi ama, osserverà la mia parola e il Padre mio lo amerà e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui”. Alla Pentecoste allude quando dice: “Il Paràclito, lo Spirito Santo che il Padre manderà nel mio nome, lui vi insegnerà ogni cosa e vi ricorderà tutto ciò che vi ho detto”.

Ma nel brano appare ancor più rilevante un’altra frase: “Vi lascio la pace, vi do la mia pace”. Queste poche parole bastano a suscitare un fiume di considerazioni, perché quello della pace è un argomento dalle molte facce; è un desiderio che, magari in modo confuso, inquieta ogni giorno di questa vita. Ovviamente aspirano alla pace quanti sentono la propria vita a rischio tra i bombardamenti, o di una guerra subiscono in vario modo le conseguenze. Vorremmo poi tutti quella vera pace tra i popoli, che tra l’altro consentirebbe al mondo di non dissipare in armamenti incalcolabili risorse, da utilizzare invece per debellare fame e malattie. Su un piano più domestico, non si può dire si viva in pace là dove l’armonia è un miraggio, dove si sono rotti lunghi rapporti affettivi (tra coniugi, tra fratelli, tra parenti e amici) e si coltivano astio e rancori. Per non trascurare i singoli, così spesso amareggiati da incomprensioni e ingiustizie, o turbati da problemi insolubili, o inquieti per ambizioni e propositi insoddisfatti.

Per le ragioni più diverse, la pace è sempre stata per gli uomini più un desiderio che una realtà. Anche perché gli uomini l’hanno cercata (quando l’hanno fatto!) con i soli propri mezzi, con le risorse di intelligenza e in prospettive puramente umane, perciò stesso deboli e precarie, quando non fallaci. Hanno trascurato una componente, l’unica in grado di assicurare una pace vera e duratura: l’aiuto divino. Già prima di Gesù i destinatari della divina rivelazione, vale a dire il popolo d’Israele, la pace la invocavano da Dio e la consideravano il bene supremo (di qui il saluto-augurio tuttora usato dagli ebrei, “shalom”, poi adottato anche dagli islamici, “salam”, cioè appunto “pace”). Bene supremo, con un significato più denso di quello oggi corrente: comprendeva infatti pienezza di vita, gioia e salute, successo nelle imprese, compimento dei desideri; e nell’ottica della fede andava anche più in là: significava il compimento delle promesse di Dio al suo popolo, la piena e definitiva realizzazione dell’alleanza.

Così devono avere inteso anche gli apostoli, quando Gesù ha detto loro “Vi lascio la pace”. E chissà se sul momento hanno capito la successiva precisazione, “Vi do la MIA pace”: probabilmente l’hanno capita solo in seguito, alla luce di quanto è accaduto subito dopo. Quelle parole fanno parte del discorso che Gesù ha rivolto loro durante l’ultima cena, appena prima di affrontare la sua passione redentrice. La pace vera è quella che egli ci ha guadagnato con il proprio sacrificio, unica via perché si realizzi l’armonia tra Dio e l’uomo. Soltanto se vive in armonia con Dio, se cerca di fare la Sua volontà, l’uomo è in grado di impostare correttamente i rapporti con i suoi simili, di orientare positivamente le proprie risorse, di coltivare desideri di bene, di sopportare le difficoltà della vita presente.
Insomma, soltanto nel rapporto con Dio l’uomo trova la pace. E la trova perché Dio gliela dona, per i meriti del suo Figlio che proprio per questo ha liberamente sacrificato se stesso. La pace è un dono: perciò non si instaura automaticamente; Dio non impone i suoi doni: li offre. Sta poi all’uomo, alla sua intelligenza e alla sua libertà, accoglierli e valorizzarli.

Fonte:Qumran2.net – Commento di Mons. Roberto Brunelli

Potrebbe interessarti anche... Altro dello stesso autore

Fai un commento

La tua email non sarà pubblicata.

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Rimani sempre aggiornato direttamente nella tua email!