XXXIII Domenica del Tempo Ordinario

0 101

Letture del giorno:
Ml 3,19-20;
Sal 97 (98);
2Ts 3,7-12;
Lc 21,5-19

Il Sal 97 è un cantico gioioso al Signore che viene come re e giudice a giudicare il mondo con giustizia e i popoli con rettitudine. Sono invitati a partecipare a questo inno esultante tutti gli abitanti del mondo e l’intero cosmo: i mari, i fiumi, le montagne. La Chiesa dà al salmo un significato messianico e lo interpreta come profezia della vittoria finale di Dio sulle potenze malefiche e predizione della salvezza che ne conseguirà per tutti i popoli. Il ritornello, ispirandosi a Ap 22,20, ci invita a chiedere che questo intervento salvifico e definitivo del Signore si compia ovunque e per tutti gli uomini. Alla luce di questo salmo, la fine del mondo e il giudizio universale, temi che ci propone oggi la parola di Dio, sono da considerarsi come un giorno di festa in cui Dio viene a stabilire definitivamente la giustizia.

Questo “giorno del Signore”, così lo chiama la Bibbia, è descritto dalla prima lettura come “un giorno rovente come un forno”, in cui Dio annienterà i superbi e gli ingiusti, ma salverà coloro che hanno timore del suo nome, e cioè quelli che servono Dio con fedeltà. Per questi “sorgerà raggi benefici il sole di giustizia” (cf. anche I Vespri, ant. al Magn). Il vangelo raccoglie le parole di Gesù sugli ultimi tempi, di cui questi ne rivela l’incertezza dell’ora. Di qui l’invito del canto al vangelo: “Risollevatevi e alzate il capo, perché la vostra liberazione è vicina” (cf. Lc 21,28). In attesa del compimento della vicenda terrena, ci viene dato come codice di comportamento l’esortazione di san Paolo ai cristiani di Tessalonica: in attesa del trionfo della giustizia, in attesa che il male sia vinto, l’Apostolo ci invita a vivere la nostra vita nella pace lavorando, cercando di non essere di peso agli altri, guadagnandoci così il nostro destino. Questa esortazione combacia con l’affermazione di Gesù che conclude il discorso sulla fine dei tempi con queste parole: “Con la vostra perseveranza salverete le vostre anime” (II Vespri, ant. al Magn.).

La perseveranza è frutto della grazia, è frutto dello Spirito, ma è anche risposta coerente e quotidiana della nostra volontà al dono di Dio. La vita cristiana non è passiva attesa di doni che piovono dal cielo; è invece ricerca appassionata, impegno generoso che si traduce in un concreto sforzo per testimoniare la giustizia e la salvezza di Dio. In questo mondo siamo di passaggio. Tante volte invece le realtà terrene ci si offrono in tutta la loro forza seducente, in modo che non è facile mantenersene liberi. Il nostro sguardo deve rivolgersi verso quei beni che ci procurano “felicità piena e duratura” (colletta). A questo proposito, sant’Agostino dice che il cristiano deve “servirsi del mondo, non farsi schiavo del mondo” (Ufficio delle letture, 2a lettura). Dio ha progetti di pace su di noi, non progetti di sventura (cf. ant. d’ingresso, Ger 29,11). Pertanto, il linguaggio immaginoso che usa la Scrittura per descrivere il giorno finale non deve incutere paura. Non serve vivere in attesa ansiosa e oziosa del futuro. L’attesa cristiana si chiama speranza, la quale non è né ansiosa né oziosa ma attiva. La vita è amministrazione di un dono che ci è stato affidato, quindi è responsabilità. Bisogna prendere sul serio il tempo presente. Siamo chiamati non all’evasione dal mondo, ma a costruire qui e ora le premesse che preparano l’avvento definitivo del regno di Dio.

Il Signore che verrà alla fine dei tempi come giudice è realmente presente nell’eucaristia sotto gli umili segni sacramentali del pane e del vino. Nell’eucaristia quindi è racchiusa e già in atto la beata speranza che alimenta l’attesa e il desiderio della Chiesa e di ogni credente nel ritorno del Signore. Perciò gridiamo ai quattro venti con gli antichi cristiani: “Vieni, Signore Gesù” (Ap 22,20).

Potrebbe interessarti anche... Altro dello stesso autore

Fai un commento

La tua email non sarà pubblicata.

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Rimani sempre aggiornato direttamente nella tua email!